FTS S.p.A. - Official Web Site | Mascherine lavabili e riciclabili sicure e amiche dell’ambiente
Da oltre 90 anni, la tessitura FTS è orientata all’innovazione tecnologica, allo sviluppo e alla crescita, conservando l’eredità del Cotonificio Ozella, fondato nel 1924. La continua attività di ricerca tecnologica porta nel 1940 alla registrazione del brevetto internazionale e del marchio Filtrozella. L’azienda si trasferisce a San Maurizio Canavese negli anni ’60 e diversifica la produzione affiancando ai tessuti tradizionali in cotone, la tessitura di prodotti tecnici realizzati con fibre sintetiche (poliestere e poliammide ad alta tenacità).
Fts Spa, fibre e tessuti speciali, fibra di carbomio, fibra aramidica, fibra ibrida
17656
post-template-default,single,single-post,postid-17656,single-format-video,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Mascherine lavabili e riciclabili sicure e amiche dell’ambiente

Mascherine lavabili e riciclabili sicure e amiche dell’ambiente

I dispositivi mono uso inquinano e finiscono in discarica

14.05.2020 – 18:30

Milano, 14 mag. (askanews) – Lavabili e riciclabili, amiche della salute e dell’ambiente, si sta diffondendo la produzione e l’uso di mascherine non usa e getta per ridurre i danni causati dallo smaltimento non corretto di dispositivi di protezione contro il contagio da Coronavirus. Massimo Pancamo, Presidente e Amministratore Delegato di Fibre e Tessuti Speciali S.p.A. spiega i vantaggi di questo tipo di mascherine, come uso assimilabili a quelle chirurgiche.

“Di fatto le prestazioni sono assolutamente equivalenti a quelle delle mascherine standard, perchè c’è una certificazione che è una norma Uni: o la prendi o non la prendi. Dal punto di vista dell’ambiente i vantaggi sono evidenti. Il primo sono fatte al 70% in fibra di cotone e al 30% in poliestere che è comunque riciclabile perchè è un elemento separato, ma soprattutto non essendo mono uso non vengono gettate dopo un ciclo di utilizzo.

Il potere filtrante e la traspirabilità di questi presidi è garantito per 5 lavaggi anche se test di laboratorio rilevano che il potere filtrante resta invariato fino 8-10 lavaggi. Da questo punto di vista c’è fino a 5 -10 volte di meno di residuo di mascherine usate che vanno a finire nell’ambiente e questo significa in discarica”.

Le mascherine chirurgiche sono diventate un bene ricercatissimo e il prezzo fissato dal commissario Arcuri a 50 centesimi le ha rese difficili da trovare. Oltre il 15% delle aziende del settore tessile moda italiano con più di 15 dipendenti hanno iniziato una parziale riconversione per produrre mascherine. “Se vuoi ricostruire una filiera come si vede dagli incentivi che il governo ha promesso per la riconversione l’ultima cosa che devi fare è imporre un prezzo sbagliato”.

Le mascherine lavabili vengono proposte da un minimo di 2,50€ ad un massimo di 3,20€, a seconda della tipologia e del quantitativo d’ordine, la richiesta per questo sta crescendo molto. “Noi produciamo 30 mila mascherine alla settimana, per ordini normali nell’ordine di 10- 15 mila mascherine riusciamo a evadere l’ordine in 10-12 giorni massimo”.

FONTE: Corriere di Siena

 

No Comments

Post A Comment

Call Now Button